VACCINI ANTI COVID-19

  • Stampa

La vaccinazione mira a fornire una protezione diretta delle persone vaccinate contro gravi evoluzioni della malattia e a ridurre e/o prevenire ricoveri e decessi.

Dopo l’approvazione del vaccino Comirnaty, prodotto da Pfizer-BioNTech, quello di Moderna è il secondo vaccino che ha ricevuto la raccomandazione per l’autorizzazione all’immissione in commercio.
Trattasi di vaccini a RNA-messaggero, che inoculano un frammento del materiale genetico (RNA), avvolto in una nanoparticella costituta da diversi lipidi (liposomi). La metodologia dei vaccini a RNA-messaggero è nota da una decina di anni, ma, prima dell'emergenza COVID, non erano stati stanziati i necessari investimenti, nonostante la semplicità di sviluppo e produzione.

Il vaccino COVID-19 AstraZeneca, da fine marzo 2021 Vaxzevria, è un vaccino a vettore virale (adenovirus). Il vaccino è stato sviluppato presso il "Jenner Institute" dell'Università di Oxford.
Con l'inoculazione del vaccino Vaxzevria, l’adenovirus modificato penetra nel nucleo della cellula dove fornisce il codice genetico per produrre la proteina Spike di SARS-CoV-2. Le cellule T del sistema immunitario riconoscono lo stimolo della proteina Spike e attivano la risposta immunitaria e la produzione di anticorpi specifici contro il virus.

Vaccini a RNA-messaggero
Comirnaty Pfizer-BioNTech COVID-19
Moderna COVID-19

 

Vaccini a vettore virale (adenovirus)
Vaxzevria


 

Scarica qui il Modulo di Consenso per la Vaccinazione Anti-COVID19

 


Link utili: